ARTISTS

Gal Weinstein

Gal Weinstein (Ramat Gan, 1970) transforms his personal idea of ​​the future in two tables invaded by the rough texture of steel wool. This raw material depicts snapshots of a silent territory that shows itself in all its soaring grandeur. A red planet that hides traces of organic structures within its core. Mars, the supreme symbol of the unknown and of the human challenge to what is inevitably far.

Gal Weinstein (Ramat Gan, 1970) imbriglia la sua personale idea di futuro all’interno di due tavole aggredite dalla ruvida consistenza della lana d’acciaio. Dalla materia fuoriescono istantanee di un territorio silente che si mostra in tutta la sua smisurata maestosità. Un pianeta rosso che nasconde al suo interno tracce di strutture organiche. Marte, simbolo supremo dell’ignoto e della sfida umana a ciò che appare inevitabilmente lontano. 

Gal Weinstein

Rusted Planet (Mars) 
Dalla serie Places That I Will Not be Invited To
,
2012, lana di acciaio e colla su tavola, Courtesy 
Galleria Riccardo Crespi, Milano.

Gal Weinstein

Rusted Planet (Mars) 
Dalla serie Places That I Will Not be Invited To
,
2012, lana di acciaio e colla su tavola, Courtesy 
Galleria Riccardo Crespi, Milano.