TEXT

 

Why reinventing the future

Human experience is closely linked to the idea of ​​ future. Perceiving what is yet to come, conceiving hopes of progress and redemption, overcoming the anxiety uncertainty. This is the central engine of a life lighted by the eternal flame knowledge, possessed by a compulsive need to understand what appears inscrutable. The future is a constant illusion, a long trip on the Moebius strip that helps humanity to hide the frailty and transitory nature of the human body. Conceiving a specific idea of ​​a nonlinear time and a multiple reality is an integral part of the biological nature of man and his personal and cultural expression. The idea of ​​the future is omnipresent in our language, in our spirituality and is the possibility that emerges from the decisions of the present, influenced by the past. The endless search for this realm of randomness and of the continuous reprogramming of forms, concepts and meanings is a perfect obsession, a clear manifestation of thought extension and of its immortality through endless variables.

Through the widespread ignorance represented by reification, the contemporary collective imagination has learned to conceal the future within the concept of new, so everything is imagined as a "new thing", a commercial progress that manifests itself only in the specific condition of a slow transformation, perpetually identical to itself. The supermodernity with its excesses of space, time and ego has dramatically distorted any precognitive ability, it has changed the idea of future into an empty ideological and mediatic hyperactivity which effectively eliminates any meaningful content. Modern society must inevitably break free from the constraints of the new as the only form of progress and reinvent the future, to regain a real or dreamy sense of it. Deconstruct a false conception of the future, learning to think about  it along with its direct reverse, the past, without making an acceleration of history.

Reinventing the future means not only evolve but to transform into something different, beyond the concept of production of the new and the spectacular. Conceiving the future can not be reduced to the mere formulation of a scenic and artificial word but it has to be the materialization of an abstract and ever changing entity that owns a field, a space and a visibility within a nonlinear concept of time. This conceptualization thus refers to matters of  creative nature, because the plastic and philosophical transformation of aesthetic, concepts and forms is a key feature of the artistic process, who draws nourishment from the realities of the past, making a careful investigation of the present and future visions.

Reinventing the future is therefore possible through the artistic activity. Even if the future were to occur aesthetically and conceptually different from what imagined, it can be endlessly reinvented, recovering his new past form. To catch the meaning beyond the signifier, To depart from mythological narratives schemes, to arrive at a personal myth-making of the future. The artistic practice can open up new windows on alternative worlds and give the user clear images, free from any visual constrain. This goal can only be achieved by overtaking the concept of conformity/ nonconformity of the artistic object within the trends of its time.

In developing Israel Now, Reinventing the Future It has been considered the possibility of multiple future scenarios, in order to offer a possible alternative conception of artistic production and fruition as well as of individual and collective identity in relation to the diversity of our planet. The primary intent is also to understand the influence of philosophical and aesthetic forms of the past within a new concept of "making art", without constrains and preconceptions.

The project is structured around a selection of Israeli artists of different generations and experiences. The land of Israel is a concrete example of a nation looking at the future, because it draws nourishment from a multi-ethnic society, characterized by a deep and ancient spirituality and at the same time it is able to open up parallel scenarios, both real and imagined. Israeli artists are then immersed in an environment that has already developed a solid idea of ​​the future. In an increasingly globalized world scenario, where much too often the medium is the message, they have managed to maintain a critical behavior in relation to new technologies and old methodologies, hailing the remarkable progress of science and of the nation in general as a further possibility of experimentation. On these new directions, opened by a nation constantly projected towards social development, the artists in participating at IsraelNow-Reinventing the Future have been able to build alternative routes, with an eye to the international artistic investigations while firmly maintaining collective and personal identities.

 

The supermodernity of the contemporary art

Opening a window on future or futuristic circumstances, through the work of art and consequently by means of an artistic event like IsraelNow - Reinventing The Future, involves the demolition of certain rules of behavior that characterize the large international exhibitions.

In her introductory essay Harald Szeemann: Individual Methodology, critic and art historian Florence Derieux asserts that the history of art of the second half of the twentieth century has become a history of exhibitions, of major projects and no longer the history of works of art. This concept, now widely shared, implies the exponential growth of an extraordinary decisional power by the curator who ends up objectifying an excess of ego for which we tend to value only the project and not the independent power of the work and of the image.

In 2003, Molly Nesbit, Hans Ulrich Obrist and Rirkrit Tiravanija presented their project Utopia Station at the Venice Biennale. At that time, the concept of utopia, reached a dystopian size, because the artworks included in the exhibition ended up being crushed by a too ambitious curatorial vision, making them useful only to justify the project. Utopia Station is therefore a good example of what is written by Florence Derieux. As part of this specific supermodern behavior expressed by curatorial practice, the risk is to totally lose the importance of the artist and of the work.

In tracing the guidelines of Israel Now-Reinventing the Future, the approach that is used is meant to overthrow these mechanisms, avoiding to transform curatorial practice into a work of art but without altering the main concept of the exhibition. Specifically, each decision was made with the invited artists and each work is juxtaposed with the other while maintaining its distinctive identity, as in a compendium of stories told in first person. Emphasize the process of free creation of the future and at the same time reflect the experimental nature of all artistic expression, these are the focusing points of a project aimed at extending the usual criteria of artistic fruition, while avoiding unnecessary special effects.

 

Conclusions

Turning from the concept of static and monolithic exhibitions slave to a rigid curatorial view, into a radically dynamic experience like the search of possible futures, is equivalent to the passage from the simple collection of objects into an alive and pulsating exhibition, like a living organism in constant becoming. Beyond the rhetorical strategies and the imaginative power developed by any textual criticism, the work of art appears as the unique and irreplaceable sensorial engine able to bypass its time and anticipate the future. On this basis, the artists in the exhibition have literally gone beyond the concept of a closed future, giving the observer a series of exquisitely open personal theories spanning the objective evidence to plunge into new space-time dimensions, rather than rely on a one-dimensional reference system. The future is waiting only to be reinvented, be it a new way of thinking to the social sphere, to look to new technologies or creating new forms. Contemporary art is thus a point of vantage, on everything which our mind yearns thirsty.

Micol Di Veroli

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Perchè reinventare il futuro

L’esperienza umana è strettamente connessa all’idea di futuro. Percepire ciò che deve ancora accadere, concepire speranze di progresso e di riscatto, superare l’ansia dell’incerto.  Tutto questo rappresenta il motore centrale di un’esistenza pervasa dalla progettualità, dall’odisseica fiamma del sapere, della sete di conoscenza di ciò che appare imperscrutabile. Il futuro è illusione continua, un lungo viaggio sul nastro di Moebius che aiuta l’uomo a cancellare il concetto di finitezza dell’involucro terreno. Abitare una specifica idea di un tempo non lineare e di una realtà multipla è parte integrante della natura biologica dell’uomo e della sua espressione culturale. L’idea di futuro è onnipresente nelle urgenze linguistiche e spirituali ed è la possibilità che emerge dalle decisioni presenti, condizionate dal passato. L’incessante ricerca di questo regno delle casualità e della riprogrammazione continua di forme, concetti e significati rappresenta un’ossessione perfetta, la chiara manifestazione dell’estensione del pensiero e della sua immortalità attraverso variabili infinite.

L’immaginario collettivo contemporaneo, attraverso l’imperante insipienza rappresentata dalla reificazione, ha imparato a dissimulare il futuro all’interno del nuovo, per cui tutto viene immaginato come “cosa nuova”, un progresso commerciale che nello specifico manifesta solamente la condizione di un lento divenire perennemente identico a sé stesso. La surmodernità  con i suoi eccessi di spazio, di ego e di tempo ha drammaticamente distorto ogni capacità o volontà precognitiva, limitando il futuro ad una vuota iperattività ideologica e mediatica che di fatto lo priva di ogni contenuto sensato. La società moderna deve per forza di cose liberarsi dal vincolo del nuovo come unica forma di progresso e reinventare il futuro, se vuole che esso torni ad avere un senso reale o sognato che sia. Decostruire una falsa concezione di futuro, pensandola assieme al suo diretto rovescio, vale a dire il passato, senza operare un’accelerazione della storia.

Reinventare il futuro significa non solamente evolversi ma trasformarsi in qualcosa di diverso, al di là del concetto di produzione del  nuovo  e dello spettacolare.  In sostanza, ideare il futuro non può ridursi alla mera formulazione di una parola scenografica e posticcia ma alla materializzazione di un’entità astratta e cangiante che detiene un campo, uno spazio ed una visibilità proprie all’interno di un tempo non lineare. Questa concettualizzazione fa perciò appello alle problematiche di natura creativa, in quanto la trasformazione filosofica e plastica di estetiche, concetti e forme rappresenta una caratteristica fondamentale della produzione artistica che, traendo linfa dalle realtà del passato, compie continuamente un’attenta indagine sulle visioni presenti e future.

Reinventare il futuro è quindi possibile mediante l’attività artistica. Anche se il futuro dovesse in seguito manifestarsi esteticamente e concettualmente dissimile da quanto immaginato, esso può essere reinventato all’infinito, recuperando la sua nuova forma passata. Cogliere il significato oltre il significante, liberarsi dai vincoli narrativi e mitologici per approdare ad una personale mitopoiesi dell’avvenire. In questo la pratica artistica può aprire nuove finestre su mondi alternativi ed offrire al fruitore immagini libere da qualsiasi visione a compartimenti stagni. Tale traguardo può essere ottenuto solamente oltrepassando il concetto di conformità/non conformità della manifestazione artistica all’interno degli stilemi e delle tendenze del suo tempo.

Nel concepire Israel Now, Reinventing The Future si è pensato quindi alla possibilità di aprire molteplici scenari sul futuro, in modo da offrire una possibile concezione alternativa della produzione e della fruizione artistica oltre che dell'identità individuale e collettiva in relazione alle diversità del nostro pianeta. L'intento primario è altresì quello di comprendere l'entità dell'influenza delle forme estetiche e filosofiche del passato all'interno di una nuova concezione del “fare arte”, slegando il tutto da vincoli e preconcetti.

Il progetto è strutturato attorno ad una selezione di artisti israeliani provenienti da esperienze e generazioni diverse. La terra d'Israele rappresenta un concreto esempio di nazione proiettata verso il futuro, essa trae infatti linfa da una società multi-etnica, caratterizzata da una profonda e millenaria spiritualità che al tempo stesso è capace di aprirsi a scenari paralleli sia concreti che immaginari. Gli artisti israeliani sono quindi immersi in un ambiente che ha già sviluppato una solida idea di futuro. In uno scenario mondiale sempre più globalizzato, dove toppo spesso il mezzo rappresenta il messaggio, essi sono riusciti a mantenere un comportamento critico in relazione alle nuove tecnologie ed alle vecchie metodologie, salutando i notevoli progressi della scienza e della nazione in genere come un’ulteriore possibilità di sperimentazione. Su queste nuove direzioni, aperte da uno stato costantemente proiettato verso lo sviluppo sociale, gli artisti presenti alla mostra Israel Now- Reinventing the Future hanno saputo costruire sentieri alternativi, con uno sguardo rivolto alle indagini compiute dalle realtà artistiche internazionali pur mantenendo ben salde sia identità collettive che personali.

 

La questione della surmodernità dell’arte contemporanea

Aprire una finestra su circostanze future o futuribili tramite l’opera d’arte e,di riflesso, mediante un evento artistico come Israel Now-Reinventing The Future, implica l’abbattimento di determinate regole comportamentali che solitamente caratterizzano le mostre collettive di grande respiro internazionale. Nel suo scritto introduttivo al saggio HaraldS zeemann: Individual Methodology, il critico e storico dell’arte Florence Derieux asserisce che la storia dell’arte della seconda metà del XX secolo è ormai divenuta la storia delle mostre, dei grandi progetti espositivi e non più quella delle opere d’arte. Questo concetto, ormai ampliamente condiviso, implica l’esponenziale crescita di uno straordinaria potere decisionale da parte del curatore che finisce con l’oggettivare un eccesso di ego per il quale si tende a valorizzare unicamente il progetto a scapito del  valore autonomo dell’opera e dell’immagine. Nel 2003 Molly Nesbit, Hans Ulrich Obrist e Rirkrit Tiravanija presentarono il loro progetto Utopia Station alla Biennale di Venezia. In quel frangente il concetto di utopia raggiunse una dimensione distopica, questo perché le opere d’arte inserite all’interno della mostra finirono con l’esser schiacciate dalla fin troppo ambiziosa visione curatoriale, trasformandosi così in tanti piccoli pretesti utili solamente a giustificare quest’ultima. Utopia Station è quindi un valido esempio di quanto affermato da Florence Derieux. Nell’ambito di questo specifico comportamento surmoderno, espresso dalla pratica curatoriale, il rischio è quello di perdere totalmente di vista l’importanza della figura dell’artista ed il peso specifico dell’opera.

Nel tracciare le linee guida di Israel Now -Reinventing the Future, si è cercato di rovesciare il funzionamento di questi meccanismi, evitando di  trasformare la pratica curatoriale in opera d’arte ma senza per questo snaturare il concetto portante della mostra. Nello specifico, ogni decisione è stata concordata assieme agli artisti invitati ed ogni opera si giustappone alle altre pur mantenendo una sua identità specifica, come all’interno di un compendio di storie raccontate in prima persona singolare. Enfatizzare il processo di libera creazione del futuro ed al contempo riflettere la natura sperimentale di ogni manifestazione artistica, questi i perni centrali di un progetto mirato ad estendere i consueti criteri di fruizione artistica evitando inutili pretestuosità e colpi ad effetto.

 

Conclusioni

Uscire dal concetto di mostra statica e monolitica vista in funzione di una rigida visione curatoriale, verso esperienze radicalmente dinamiche come la ricerca di futuri possibili, equivale al passaggio dalla semplice collezione di oggetti ad una mostra viva e pulsante alla stregua di un organismo vitale in continuo divenire. Al di là delle strategie retoriche e della potenza immaginifica sviluppata da qualsiasi attività testuale, l’opera appare come l’unico ed insostituibile carburante sensoriale in grado di scavalcare il proprio tempo ed anticipare l’avvenire. Partendo da questo presupposto, gli artisti presenti all’interno della mostra hanno letteralmente superato il concetto di futuro conchiuso e definitivo, offrendo al fruitore una serie di teorie personali squisitamente aperte che scavalcano le evidenze oggettive per gettarsi in nuove dimensioni spazio-temporali, piuttosto che affidarsi ad un sistema di riferimento monodimensionale. Il futuro attende solamente di essere reinventato, sia esso un nuovo modo di pensare alla sfera sociale, di guardare alle nuove tecnologie o di creare nuove forme. In questo l’arte contemporanea rappresenta un punto d’osservazione privilegiato, su tutto ciò cui la nostra mente assetata anela. 

Micol Di Veroli